fasanella

La Società Tenute del Fasanella nasce nel novembre 2003 da una idea di Michele Clavelli che, già sindaco del comune di Sant’Angelo a Fasanella, intendeva creare un’attività che desse nuova linfa al paese.
Dopo un’attenta ricerca per l’individuazione delle microzone più vocate, nel 2004 furono mossi i primi passi con l’acquisto dei terreni e l’avvio dei lavori necessari a renderli adatti alla coltivazione della vite. L’anno successivo, difatti, si è proceduto alla messa a dimora delle barbatelle. E’ così che nel Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, ai piedi dei Monti Alburni, prende vita l’attività di questa nuova realtà vitivinicola. Tenute del Fasanella scelgono sin da subito, come filosofia aziendale, di vinificare soltanto uve di proprietà che, ad oggi, si ottengono da 7 ettari in produzione.
Sono 4, invece, gli ettari impiantati nel corso del 2009.
A testimonianza di questa inusuale scelta, la prima vendemmia che ha condotto all’imbottigliamento è stato proprio il 2008. Anno in cui la totale gestione dei vigneti, il lavoro di vinificazione e la progettazione delle nascenti cantine sono state affidate all’enologo Sergio Pappalardo. Le varietà presenti nelle Tenute del Fasanella sono: Fiano, Primitivo, Aglianico ed Aglianicone. Di grande interesse il lavoro rivolto ai nuovi impianti di Santa Sofia e Mangiaguerra, entrambe varietà autoctone del Cilento, così come l’Aglianicone, già in produzione.

www.tenutedelfasanella.it

Corso Apollo XI, 44
84027 S. Angelo a Fasanella (SA)

Alburno – Aglianicone IGP Paestum Rosso

Vitigno: Aglianicone 100%

Poco noto ai più l’Aglianicone, è un vitigno decisamente interessante e di pregio, che viene allevato in Campania in quantità piuttosto modesta, prevalentemente nella provincia di Salerno e precisamente nel territorio cilentano.
Cattura lo sguardo già per il colore e per l’intensa luminosità, sui toni rubino con sfumature che virano nel viola. Rassicurante accogliente, che ben si adatta alle esigenze odierne di un vino più orientato verso le morbidezze. I profumi sono accattivanti, ritroviamo piacevoli note di frutta succosa dalla mora al gelso rosso. Al palato si scorge anche una piacevole speziatura di pepe nero.
Avvolgente e diretto, di buona morbidezza e con tannini suadenti e per nulla aggressivi.

Auso – IGP Paestum Rosso

Vitigni: Aglianico 82% Primitivo 18%

L’Auso di Tenute del Fasanella sgorga sincero come la cascata omonima da cui prende il nome, dove il Primitivo e l’Aglianico si uniscono spalleggiandosi vicendevolmente, dando vita a giochi e combinazioni intriganti, che richiamano alla mente il suggestivo fenomeno carsico che si può ammirare percorrendo la strada interpoderale carrabile, detta anche “Grotta dell’Auso”.
Una piena e sincera succosità di ribes nero prima, mirtillo poi, si rendono noti in modo propulsivo, lasciando spazio a note di mirto e a una intrigante speziatura di pepe bianco, a cui seguono note terrose di sottobosco e chiari accenni di macchia mediterranea, che si rincorrono e ritornano coerenti al palato. 

Phasys – IGP Paestum Fiano

Vitigno: Fiano 100%

Phasis è prodotto con il Fiano che cresce nel Comune di Bellosguardo, il vigneto è ubicato a Nord su una ripida collina e rivolge verso gli Alburni. Affascina già allo sguardo con le sue tonalità solari che esprime alla vista, un oro giallo brillante e carico di luce. La compattezza del liquido fa evincere che si tratta di un vino artigiano, non filtrato ma di estrema finezza.
Fiero ed eloquente coinvolge all’olfatto con profumi esplosivi che ti trasportano immediatamente nella verde e rigogliosa terra cilentana. Una complessità aromatica singolare, che non stanca. Elegante, piacevole e di grande bevibilità 

Manfredi – IGP Paestum Aglianico

Vitigno: Aglianico 100%

Manfredi è un vino prodotto con Aglianico in purezza, le cui vigne sono posizionate in zona San Vito Prato, proprio ai piedi di Sant’Angelo a Fasanella, su falso piano esposto a Sud. La favorevole esposizione e le fresche correnti d’aria permettono di ottenere un prodotto gioviale, che esprime già al primo olfatto, gradevoli e nette note di frutta rossa, dalla ciliegia carnosa e croccante, all’amarena, cui fanno seguito note terrose di carruba, arricchite da piacevoli sensazioni minerali e da una delicata speziatura di pepe nero e di china. Un vino di grande complessità olfattiva e di carattere, che al palato mostra la sua vigoria.